Che si trattasse di un caso particolare me lo conferma - giorni dopo - lo scoprire che la United States Geological Survey’s (USGS) lo dà a M:5.8; non è differenza di poco conto.

Si susseguono due episodi, alle 17:59 | M:4.8 e alle 18:34 | M:5.1 attirando - non so perché - la mia attenzione sul fatto che non era finita. Elaboro su due piedi la scansione grafica ogni 2 mi­nu­ti e qualcosa vedo: la formazione Luna-Mercurio-Nodo Lunare, come del resto il Quadrato Ve­ne­re-Plutone sono delle costanti in rotazione, ma alle 20:36 Marte andrà a posizionarsi sul­l´orizzonte di quell´epicentro, in opposizione all´Ascendente e Giove sul meridiano, opposto al Medio Cielo, en­tram­bi con precisione quasi calcolata.
Penso che i diagrammi andrebbero sempre esaminati in movimento, per coglierne la vera es­sen­za; chi li vuol vedere li trova qua, alternando la visione a pagg. singole; e penso pure che quasi ogni terremoto rappresenti un caso a sé, che meriterebbe ore ed ore di studio, non meno di un problema di scacchi.

Per quanto vari possano essere i parametri decisivi, è un assetto che non si può ignorare, tan­to da doverne dar cenno, fissando sul web una previsione specifica, in questo caso del tut­to personale. Una piccola scommessa con me stesso, con la rete e soprattutto con il mon­do scientifico. La pagina delle ultime notazioni è indipendente, si apre in finestra interna clic­can­do l´icona (i) soprastante questa voce; è stata registrata sul server alle 21:46 ora ita­lia­na, quindi un´ora prima del­l´even­to.

Proprio mentre sviluppo i calcoli, si accinge a culminare l´Opposizione Luna-Nodo e mi ac­cor­go a mala pena che già un altro sisma quasi allo stesso epicentro l´annuncia 21 minuti prima, al­le 19:18, quando l´ESL è opposta ad Urano; ma le 20:36 sono ancora lontane.
Ecco quindi i due grafici, l´evento di riferimento, e a fine pagina quello del sisma che si pro­dur­rà in effetti a 6 minuti dal previsto.
Vi è forse qualcosa che possa ricondursi a termini di probabilità?
poteva semplicemente non succedere.

Perché allora quei 6 minuti di anticipo?
Mi ero soffermato sul momento di maggiore precisione, del collocarsi di Marte e Giove sugli assi cardinali, ma esaminando lo scorrere dei temi con maggiore attenzione si può notare che la sola differenza significativa da un minuto all´altro è data dall´ESL al Trigono di Luna: 6 minuti prima (20:30) è più preciso; 12 minuti prima sa­reb­be addirittura perfetto (20:24)… come perfetto al grado lo è il posizionamento cardinale di Marte e Giove 6 mi­nu­ti dopo (20:36).
Ne deriva che le 20:30 danno adito al momento di maggiore bilanciamento ovverosia di mag­gio­r in­ten­si­tà complessiva.
È assolutamente da notare che con la Luna a 18°20' dei Gemelli, l´ESl a 19°51' e Saturno a 17°20' di Bilancia formano un compasso angolare esatto, in quanto il loro punto medio, bi­set­tri­ce dell´angolo formato con la Luna è appunto quello di Trigono a 120°, ciò che pone in una condizione di risonanza univo­ca l´ESL e Saturno.
Null´altro muta in modo sensibile in questi 6 minuti, durante i quali l´ESL si allontana troppo da Saturno e la Luna, pur lievemente, dall´Opposizione al Nodo Lunare.

Niente di complicato, se non avrete fretta nella lettura; era fin troppo facile. È sempre più evi­den­te che gli orari di culminazione indicano un singolo Aspetto, laddove ogni evento sca­tu­ri­sce dal­la combinazione ot­ti­ma­le di pressioni (o attrazioni) differenziate e convergenti.


Guatemala Previsto alle 20:36 di Lunedì, 19 Settembre 2011 (M:4.5)
CPU